San Donà vittoriosa al tie-break contro Cuneo, ma un grosso spavento per Polo

Il nuovo anno comincia in maniera positiva per l’Invent San Donà di Piave, che con la vittoria al Tie-break contro Cuneo guadagna due punti, ma la serata è stata anche segnata dal grosso spavento per l’infortunio accorso al Centrale Fabio Polo.

Il 2020 si apre con favore per i biancoblu, che riacquistano fiducia in sé stessi oltre che una boccata d’ossigeno grazie ai due punti guadagnati sul campo.

Il match si è aperto molto bene per la squadra di Michele Totire, che ha dominato senza mezze misure i primi due set.

25-17 è stato il risultato conclusivo del primo parziale, dove dall’inizio alla fine Bellei e compagni hanno mantenuto saldamente il comando, macinando punti su punti e arrivando a un distacco massimo di +10 sui rivali piemontesi. A niente sono valsi i time out di coach Serniotti, perché i sandonatesi sono riusciti a mantenere alta la concentrazione e il ritmo di gioco dall’inizio alla fine.

Buona la prestazione anche del secondo set, dove Bellei e Cristofaletti, ma in generale tutta la squadra, hanno messo in campo il meglio delle qualità tecniche, nonostante le feste appena archiviate. Prima di rientrare in gara, infatti, il Cuneo ha lasciato campo libero ai biancoblu fino al 7-1.  Anche per questo parziale, i piemontesi non sono mai riusciti a mettere seriamente in difficoltà i veneti, che hanno concluso il parziale 25-19.

Tutt’altra storia è stata per il terzo set, che ha visto rientrare in campo l’Invent con meno energie, ma che ha comunque dato battaglia, incrementando addirittura la prestazione complessiva della squadra in ricezione, ma soffrendo un po’ nell’attacco.  Per quasi tutto il set San Donà e Cuneo sono stati ben affiancati sul tabellone, 8 volte in parità. Sul finale, però, Cuneo ha trovato i giusti scambi per sopravanzare i sandonatesi per i due punti necessari a chiudere il set 23-25.

Nel quarto set ha cominciato a emergere la grinta dei piemontesi, che sono partiti bene e cominciato a mettere distanza tra sé e gli avversari, arrivando a un distacco di 5 lunghezze sul 4-9.

C’ha pensato però l’esperienza di Totire a riportare la giusta concentrazione e fiducia alla squadra: time out sul 15 pari, un buon muro di Polo e qualche errore in battuta dei biancorossi, hanno riportato avanti i sandonatesi. Cuneo non è rimasto a guardare e ha riacciuffato gli avversari sul 20-20. San Donà ancora avanti, ma una brutta caduta di Fabio Polo sul 21-20 ha fatto gelare il sangue alla squadra. Per lui l’uscita dal campo sorretto da compagni e staff.

Ne è seguito, immediato, un calo di concentrazione della squadra, che non è riuscita a controllare fino a chiusura del parziale: 22-25.

Nel tie-break si è vista tutta la determinazione e la voglia di vincere di un San Donà che non ci stava a lasciare il campo da sconfitta. Anche per il compagno infortunato.

Rientrata in campo ha ripreso il ritmo di inizio match portandosi subito avanti fino al 4-1, grazie anche all’ottima prestazione del palleggiatore, Michal Sladecek, questa sera premiato come MVP dell’incontro.

Il finale di 15-12 ha consegnato infine la vittoria e i due punti all’Invent San Donà.

«Cuneo è arrivata ben preparata sul nostro opposto – commenta coach Michele Totire –. Hanno fatto un gran lavoro muro-difesa, ma il nostro Giacomo Bellei ha risposto davvero egregiamente, perché ha risolto un bel po’ di situazioni difficili. Abbiamo subito la loro pressione in battuta, ma alla fine i ragazzi hanno avuto un coraggio enorme. Ottima la prestazione di Bomben, che è entrato per far rifiatare Margutti. Sono contento anche per Loris Palmarin e Matteo Mignano, dei ragazzi che tra scuola e allenamento danno il 100 % e si meritano questa vittoria.
Nei primi due set abbiamo giocato una pallavolo straordinaria. Merito del lavoro che abbiamo fatto in questi giorni. Nel periodo natalizio abbiamo lavorato tantissimo, con due allenamenti supplementari rispetto al programma iniziale. Siamo stati molto concentrati, giocando una buona pallavolo.
Nel terzo e quarto set abbiamo combattuto, ma commesso qualche ingenuità di distrazione. Spingere con i livelli dei primi due set è stato difficile avendo davanti comunque un’ottima squadra».

«È stata una ripartenza di campionato sicuramente impegnativa – ammette Sebastiano Santi, libero dell’Invent San Donà –. Ora ci aspetta un periodo nel quale abbiamo molte gare difficili davanti, tutte contro squadre che sono nella parte alta della classifica. Tra queste c’era anche Cuneo, che è arrivata molto agguerrita, ma abbiamo interpretato la partita nel modo giusto. Durante la settimana abbiamo lavorato tanto, studiando bene anche gli avversari.
L’infortunio di Fabio, poi, al quarto set, c’ha fatto gelare il sangue e ch’ha distratto dalla partita, perché Fabio è un giocatore fondamentale per la squadra oltre che una grandissima persona. All’ultimo set siamo riusciti a ritornare con la testa sulla partita e alla fine siamo andati tutti ad abbracciarlo, anche per dedicargli la vittoria».

Il Tabellino:
INVENT SAN DONÀ: 3
BAM ACQUA S. BERNARDO CUNEO: 2
(25-17, 25-19, 23-25, 22-25, 15-12)

INVENT SAN DONÀ: Sladecek 1, Bomben, Cioffi 6, Cristofaletti 19, Margutti 14, Mignano, Mian, Polo 10, Bellei 26, Palmarin 1, Santi (l), Palmisano n.e Allenatore: Totire.

BAM ACQUA S. BERNARDO CUNEO: Focosi 3, Casoli 3, Beghelli, Prolingheuer 23, Galaverna 11, Prandi (l), Picco 4, Cortellazzi 2, Testa, Paris 4, Sighinolfi 11. Allenatore: Serniotti.

Arbitri: Turtù di Montegranaro e Feriozzi di Ascoli.

Note: durata set 26’, 24’, 28’, 28’, 19’ per totali 125’ di gioco. Invent: errori battuta 21, ace 8, ricezione positiva 45% (perfetta 25%), attacco 46%, muri 13. Cuneo: errori battuta 17, ace 5, ricezione positiva 49% (perfetta 24%), attacco 40%, muri 5.

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

Parte da Noventa, con la sfida contro Cuneo, il 2020 dell’Invent San Donà

Con il nuovo anno è arrivato anche il giro di boa del campionato. Archiviato il girone d’andata con qualche sconfitta di troppo, ora, per la squadra guidata da Michele Totire, è tempo di guardare avanti e riprendere a macinare punti preziosi.

Che fosse un campionato difficile da giocare e senza alcuna certezza di pronostici sulle prestazioni delle squadre lo si è sempre saputo, e lo conferma la classifica estremamente corta dopo già 11 match disputati.

Per l’Invent San Donà di Piave, però, è tempo di cambiare marcia e rimettersi a scalare la classifica, che vede i biancoblu al nono posto con 13 punti, dopo l’ottimo avvio un tris di successi consecutivi.

L’occasione per ripartire con il piede giusto in questo 2020 è la sfida in casa, domenica 5 gennaio, contro i Piemontesi della BAM Acqua S. Bernardo Cuneo, contro i quali Bellei e compagni si erano imposti per 3-2 in avvio di campionato.

Per coach Totire in questa fase di campionato sarà fondamentale «tornare a essere consapevoli dei nostri mezzi, perché possiamo fare bene. La prospettiva è buona, anche se abbiamo molto da lavorare. Nel girone di ritorno ospiteremo in casa le prime della classifica e non sarà facile».

Grazie anche al nuovo palleggiatore, comunque, il percorso potrebbe essere più agevole: «Michael è il giocatore che può far cambiar marcia alla squadra. In questo girone dovremo fare molti punti di più».

Designata per la prima sfida di ritorno è stata la coppia arbitrale formata da Marco Turtù, marchigiano di Montegranaro, e Ugo Feriozzi, anche lui marchigiano, di Ascoli Piceno.

Chi vorrà tifare dal vivo per la squadra, potrà raggiungere il palasport in Via Guaiane 37/C a Noventa Di Piave alle ore 16.30. Il costo del biglietto intero è di 8,00€, mentre il ridotto di 5,00 €.

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

San Donà dà grande battaglia, ma Delta Porto Viro conquista i 3 punti

Nell’ultima sfida di campionato di questo 2019, che chiude anche il girone bianco d’andata, si è visto a Porto Viro un motivato San Donà. Per la squadra di Michele Totire è stata una bella prestazione contro la capolista, anche se il risultato finale non ha reso il giusto onore ai biancoblu. La vittoria dei padroni di casa ha consegnato loro anche il titolo di campione d’inverno del girone bianco, permettendogli di diritto di accedere al tabellone di Coppa Italia dove incontreranno la capolista di A2: Siena.

Porto Viro parte subito avanti, ma San Donà non concede spazio ai padroni di casa. Dopo un primo pareggio con Cristofaletti sul 5-5, Turski e Dordei portano in leggero vantaggio i rodigini, ma Totire chiama il time out ed argina sul nascere la ripartenza avversaria. Per rivedere il tabellone in equilibrio bisogna aspettare il 12-12 a firma di Bellei. Il set continua con un botta-risposta punto su punto e sul finire di set l’Invent agguanta perfino il sorpasso 21-22 con Margutti.

L’entusiasmo sandonatese dura poco però, perché segue immediato il time out di Zambonin. Il capitano nerofucsia firma due punti che riportano aventi i Porto Viro, con quei 2 punti di vantaggio mantenuti fino a fine parziale: 25-23.

Riparte in buon equilibrio anche il secondo set, ma Porto Viro, trascinato anche dal pubblico di casa, prova ad allungare fino al distacco massimo sui sandonatesi, 12-6.

La risposta dell’Invent non si fa attendere troppo, comincia infatti a spingere bene in battuta arrivando a mettere in difficoltà gli avversari. Anche la buona risposta dei laterali Cristofaletti, Bellei e Margutti contribuisce a rimontare punti preziosi, il 21-23 mantiene accese le speranze di Bellei e compagni.

Sul finale, però, Porto Viro ci mette un pizzico di cattiveria in più e trascina il risultato sul 25-21.

Da segnalare anche la buona prestazione del nuovo arrivato in casa Volley Team Club, Michal Sladecek, che ha messo più volte in difficoltà il muro avversario con le sue aperture ai compagni.

Il terzo set sembra caratterialmente una replica del primo, con i sandonatesi agguerriti che non intendono mollare il colpo. La partita si mantiene sempre viva e agli allunghi dei nerofucsia rispondono con coraggio i biancoblu. Sul 13-8 Totire chiama il time out. Al rientro San Donà ha un buon momento: muro di Polo e mani-out di Cristofaletti riportano sotto l’Invent 14-13. Delta Porto Viro, però, si riprende la leadership della gara con un nuovo allungo, mantenuto fino alla chiusura: 25-20.

«Non abbiamo avuto tanto tempo per preparare questo incontro – ammette coach Michele Totire –, ma la prestazione tutto sommato è stata buona. L’unico rammarico è che abbiamo iniziato tardi, nei set, a giocare bene come sappiamo.
Un po’ c’ha bloccato l’aspetto mentale nell’affrontare in casa la prima in classifica, obbligata a fare punti per conquistarsi la Coppa Italia.
Ora ci attende un lungo periodo di preparazione prima del girone di ritorno. Ne approfitteremo anche per mettere bene in linea con l’accatto Michal, che è il giocatore che può far cambiar marcia alla squadra.
Fondamentale, per il ritorno, sarà ritornare a essere consapevoli dei nostri mezzi, perché possiamo fare bene. La prospettiva è buona».

Il Tabellino:
BISCOTTIFICIO MARINI DELTA VOLLEY PORTO VIRO:
INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: 0
(25-23, 25-21, 25-20)

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: Bellei 13, Cristofaletti e Polo 8, Margutti 7, Cioffi 5, Sladecek 2, Mignano e Mian 0, Bomben, Palmarin e Palmisano NE; libero: Santi. Coach: Michele Totire.

BISCOTTIFICIO MARINI DELTA VOLLEY PORTO VIRO: Cuda 19, Dordei 15, Lazzaretto 7, Turski 6, Luisetto 5, Kindgard 2, Daniel 0, Marzolla, Martinez, Bernardi e Sperandio NE; liberi: Lamprecht e Fregnan. Coach: Massimo Zambonin.

Arbitri: Michele Marconi di Pavia e Denis Serafin di Padova.

Note: durata set 32’, 28’, 27’ per totali 87’ di gioco. Battute punto/errori: Delta 6/12; San Donà 1/11; Ricezione: Delta 55%, San Donà 48%; Attacco: Delta 46%, San Donà 46%; Muri punto: Delta 5, San Donà 8.

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

Invent San Donà in trasferta a Porto Viro per sfidare la capolista

Ogni punto conquistato diventa ormai importante. Lo sanno bene i ragazzi di Michele Totire che, arrivati all’ultima sfida di campionato per il girone d’andata, andranno domani a Porto Viro in casa della Capolista.

Con sole due sconfitte e otto vittorie conquistate, il Biscottificio Marini Delta Po Porto Viro guida la classifica del girone bianco con 21 punti. 13 sono invece quelli conquistati dai sandonatesi nei 10 incontri finora disputati.

«Nella trasferta di domani ci attendiamo un Porto Viro agguerrito – commenta Totire –, perché necessita dei 3 punti per accedere alla coppa Italia. È una squadra che ha lavorato bene per tutto il girone d’andata e quindi a livello di gioco merita la posizione che ha. Dalla nostra squadra mi aspetto molto più coraggio e spregiudicatezza di quella avuta finora».

Sarà dunque un Santo Stefano impegnativo quello che aspetta l’Invent San Donà di Piave, che alle ore 18.00 scenderà in campo nel Palazzetto Porto Viro di Via 25 Aprile, per una sfida che vale 3 punti importanti, ma i biancoblu hanno più volte dimostrato, nel corso del campionato, di saper ben fronteggiare anche le sfide più ardue.

Ad arbitrare l’incontro saranno Michele Marconi e Denis Serafin di Motta di Livenza.

Per chi vorrà seguire la sfida attraverso lo streaming video della Lega, potrà farlo dall’indirizzo: http://legavolley.tv

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

Invent parte bene, ma non concretizza con Bolzano. 1-3 il finale

Parte bene l’incontro contro Mosca Bruno Bolzano per l’Invent San Donà di Piave, ma gli errori e le occasioni non sfruttate hanno consegnato ai trentini il bottino dei 3 punti.

«Non abbiamo giocato molto bene nel complesso della gara – ammette coach Totire a margine dell’incontro – Magari avessimo continuato il secondo e terzo set come il primo. Sul terzo abbiamo iniziato bene, ma poi i troppi errori hanno aperto la strada a Bolzano per il 2-1. Al quarto i ragazzi c’hanno provato, sono stati punto a punto fino alla fine, ottenendo anche 2 set point, ma non è andata».

La sintesi di Totire rispecchia alla perfezione l’andamento della gara. Invent ha dominato completamente il primo set prendendo subito largo vantaggio sui trentini, che sull’8-3 si sono spesi subito il primo time out dell’incontro. A nulla sono però servite le strategie di Donato Palano per contenere i Sandonatesi che, anche se non hanno sfruttato il loro set point con Cristofaletti, hanno chiuso il primo parziale 25-19 su errore in battuta di Magalini.

Nel secondo set la situazione si è completamente ribaltata. I trentini sono partiti bene accumulando punti su punti fino al 5-10, quando un paio di errori, tra mani out e battute a rete, hanno riportato in partita i biancoblu. C’ha pensato allora coach Palano a spezzare la continuità dell’Invent, chiamando il time out e sortendo l’effetto voluto. Al rientro in campo Bolzano ha ripreso in mano la situazione arrivando a chiudere 19-25.

«Probabilmente ci siamo affidati mentalmente al risultato del primo set, invece bisognava stare attenti e abbiamo commesso qualche errore di troppo» e la lettura che ne da coach Totire per il parziale.

Immediata la reazione della squadra di casa che nel terzo set è rientrata in campo carica di entusiasmo e di grinta, portandosi avanti e mantenendo il comando del set fin al 20-20, quando Bolzano ha messo la testa avanti fino al finale 21-25.

L’ultimo parziale di gara ha scaldato il pubblico presente grazie a una serie di lunghi scambi tra le due compagini, che si sono fronteggiate esprimendo grande equilibrio tecnico. Per ben due volte, sul finale, l’Invent San Donà ha avuto tra le mani il set point, ma non è riuscita a sfruttarlo, beffato sul finale da un’invasione a muro che ha consegnato ai trentini il parziale per 25-27.

Il Tabellino
INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: 1
MOSCA BRUNO BOLZANO: 3
(25-19, 19-25, 21-25, 25-27)

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: Sladecek 1, Bomben n.e., Cioffi 8, Cristofaletti 15, Busato n.e., Margutti 13, Mignano, Mian 7, Polo 13, Bellei 6, Brunato (L) n.e., Palmarin n.e., Santi (L), Palmisano n.e. Allenatori: Totire – Zanardo.

MOSCA BRUNO BOLZANO: Boesso 12, Bressan, Grillo (L), Held n.e., L. Spagnuolo De Vito 5, Bleggi 9, Grassi, Brillo, Magalini 22, Bandera n.e., Paoli 12, A. Spagnuolo De Vito, Marotta (L) n.e., Gozzo 17. Allenatore: Palano.

Arbitri: Giardini di Verona e Cecconato di Treviso.

Note: durata set 23’, 25’, 27’, 33’ per totali 108’ di gioco. Invent: errori battuta 10, ace 5, ricezione positiva 53% (perfetta 28%), attacco 43%, muri 9. Bolzano: errori battuta 14, ace 3, ricezione positiva 40% (perfetta 25%), attacco 53%, muri 14.

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

Nella penultima di campionato l’Invent San Donà incontra in casa il Bolzano

C’è grande voglia di riscatto in casa Volley Team Club dopo il derby con Motta al PalaGrassato.

L’occasione per i sandonatesi sarà quella di domani sera contro il Mosca Bruno Bolzano, penultima sfida di campionato per il girone d’andata.

I biancoblu arrivavano a Motta, settimana scora, orfani del palleggiatore principale, ruolo ora ricoperto dallo slovacco Michal Sládeček, che proprio contro Bolzano esordirà sottorete.

«Sono molto felice di essere approdato nel campionato Italiano dove la pallavolo sta vivendo un momento molto positivo – aveva affermato Michal al suo arrivo a San Donà –. Spero di poter dare il mio contributo al successo della squadra».

Sarà dunque quella di domenica la sua occasione per mettersi alla prova nel difficile campionato di A3, e fornire un contributo importante alla squadra.

Dal canto suo, coach Michele Totire si aspetta una buona prestazione domani. Una risposta al periodo altalenante degli ultimi incontri. Proprio sabato appena terminato l’incontro con Motta aveva commentato: «Domenica prossima ci deve essere una reazione a questa partita. Non si aspetta altro che la vittoria, giocare bene e con coraggio».

Ad arbitrare l’incontro saranno Massimiliano Giardini di Verona e Luca Cecconato di Treviso.

Per chi vorrà godersi dal vivo tutto lo spettacolo di questa nuova serie A3 e tifare per la squadra, potrà raggiungere il palasport in Via Guaiane 37/C a Noventa Di Piave alle ore 16.30. Il costo del biglietto intero è di 8,00€, mentre il ridotto di 5,00 €.

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

Derby amaro per i sandonatesi, i 3 punti vanno al Motta

Il PalaGrassato di motta rimane una roccaforte ancora inviolata per i padroni di casa. Ieri sera, infatti, non è riuscita l’impresa all’Invent San Donà di Piave, a caccia di punti e continuità di successi per il campionato.

Che la sfida sarebbe stata dura, tutti lo sapevano, ma coach Totire si aspettava di più:

«Siamo arrivati senza il nostro palleggiatore, Lorenzo Piazza – commenta coach Michele Totire –, perché è andato via e da oggi farà parte del roster di Synergy Mondovì, ma sostanzialmente stasera i ragazzi non hanno giocato al meglio, come sanno fare. Avevo chiesto di giocare senza nessuna pressione, ma invece non tutti sono riusciti ad avere la tranquillità necessaria. Mi è dispiaciuto perché probabilmente il secondo set ci aveva fatto capire che non siamo poi così lontani a livello di prestazione. Matteo Mignano, il palleggiatore attuale, è molto giovane e non abbiamo avuto ancora tante occasioni per metterlo alla prova.

Probabilmente dovremo aspettare la partita di ritorno per sapere chi è più forte tra Motta e San Donà».

La sintesi dell’incontro:

Motta parte subito forte andando avanti 4-0. Invent cerca di inseguire, ma il divario si estende, 14-7 dopo l’ace di Saibene. Ci pensa il solito Bellei a smuovere i suoi sul 17-10, ma ormai il divario è incolmabile e il primo parziale si chiude con un distacco di 10 lunghezze: 25-15.

Nel secondo set si vede tutta un’altra San Donà, spronata da coach Totire. I biancoblu mettono la testa avanti con Cristofaletti che porta il vantaggio sui leoni biancoverdi, 2-3.

Ma la reazione del Motta è quasi immediata. Con l’out di Cioffi c’è l’aggancio al 5 pari, e poi il sorpasso. San Donà insegue però stavolta a breve distanza. Due ace di Bellei riportano Invent a un punto di distanza, 20-19, ma nella parte finale del set non avviene il sorpasso sperato e si chiude 25-21.

Terzo set che sembra la copia del primo, Motta avanti e primo minibreak al 4-2. San Donà tiene il passo, buon muro di cioffi che tiene i biancoblu all’inseguimento, 8-6. Saibene però allunga su un buon turno di servizio portando il divario a 14-8. Basta poi il primo match ball a disposizione di Motta per chiudere la gara, Gamba non sbaglia e consegna la vittoria ai suoi sul 25-16

Il Tabellino:

HRK MOTTA: 3

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: 0

(25-15, 25-21, 25-16)

HRK MOTTA – Saibene12, Pinali 6, Visentin 3, Zanini 8, Albergati 8, Gamba 3, Moretti, Scaltriti, Basso 6, Tonello, Tasholli, Lollato L, Gionchetti L, All: Barbon

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE – Cioffi, Cristofaletti 3, Margutti 5, Busato, Mignano, Mian, Polo 6, Bellei 13, Palmarin 1, Santi L, Spanò L, All: Totire.

Arbitri: Licchelli Antonio di Gagliano del Capo e Capolongo Antonio di Avellino.

Note: durata set 24’, 28’, 23’ per totali 75’ di gioco.

Per la prossima gara, la decima di campionato vincere sarà imperativo: «ci deve essere una reazione a questa partita – conferma Totire – non si aspetta altro che la vittoria e giocare bene con coraggio».

La serata di ieri per la società di via Stefani è stata anche occasione per salutare i due giocatori in partenza, augurandogli uno splendido futuro ricco di successi agonistici.

A lasciare il roster del Volley Team Club sono il polacco Adrian Kacperkiewicz e il palleggiatore Lorenzo Piazza. Al posto di quest’ultimo, lunedì, arriverà il nuovo innesto e sarà presentato alle 19 con una conferenza stampa.

___

Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave

Cristiano Pellizzaro

Tie-break vincente per l’Invent San Donà che in casa contiene ViviBanca Torino

Seppur al Tie-break è la seconda vittoria di fila per l’Invent San Donà di Piave, di nuovo tra le mura amiche del Fontebasso di Noventa di Piave.

La squadra di Michele Torire si è scontrata con un agguerrito ViviBanca Torino nell’ottava giornata di regular season, che ha tenuto col fiato sospeso tutti i tifosi fino all’ultimo secondo di incontro. Reduce dalla vittoria contro il Mosca Bruno Bolzano, gli uomini di Donato Palano hanno dato filo da torcere ai biancoblu che hanno comunque saputo gestire l’incontro, superando le difficoltà create dai torinesi.

3-2 Il risultato finale a favore dei sandonatesi, che, partiti bene già dal primo set, hanno calato il ritmo solo sul finale di parziale, lasciandolo agli ospiti 19-25.

Sempre aperta la partita per tutti i successivi set, invece, donando al pubblico grandi emozioni e azioni di gioco degne di una serie A che si rispetti.

«Potevamo chiudere l’incontro al quarto set – è il commento a caldo di coach Michele Totire – ma devo anche riconoscere il coraggio con il quale Torino si è presentato qui stasera.

Come abbiamo sempre saputo è un girone difficile e oggi abbiamo avuto la dimostrazione che bisogna giocare al massimo con tutti. Gli avversari hanno fatto una grande partita in battuta. Noi abbiamo giocato tatticamente, rinunciando a forzare la battuta perché Torino aveva un cambio palla molto basso e abbiamo cercato di sfruttarlo».

«Ci aspettavamo una squadra che venisse a giocarsela a viso aperto – conferma Giacomo Bellei, per lui oggi 27 punti realizzati –, reduce dalla prima vittoria di campionato, e quindi portandosi dietro molto entusiasmo. L’hanno dimostrato nel primo set, che c’ha spiazzato. Probabilmente quella di oggi è stata per Torino la miglior partita della stagione in battuta, per cui, alla squadra va il grande merito di essere riuscita a vincere, perché quando l’avversario riesce a metterti così tanta pressione, non è facile rimanere sempre lì, punto a punto. Noi l’abbiamo fatto e abbiamo portato a casa un risultato importante, che porta un po’ di tranquillità dopo anche la vittoria della settimana scorsa».      

Il tabellino:

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: 3
VIVIBANCA TORINO: 2
(19-25, 25-23, 25-22, 23-25, 15-13)

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: Cioffi 11, Cristofaletti 12, Margutti 12, Mignano, Polo 11, Bellei 27, Santi (L), Piazza 2. N.e. Palmisano, Bomben, Mian, Spanò (L), Palmarin. Allenatore: Totire.

VIVIBANCA TORINO: Cassone, Martina (L), Filippi 9, Galliani 11, Richeri 20, Mazzone 12, Mariotti, Gerbino 21, Piasso, Del Campo 6, Mellano 7. N.e. Felisio, Salza, Valente (L). Allenatore: Simeon.

Arbitri: Brancati di Potenza e Oranelli di Spoleto.

Note: durata set 26’, 31’, 27’, 27’, 21’ per totali 132’ di gioco.


Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

Domani sera al Fontebasso di Noventa: Invent San Donà di Piave – ViViBanca Torino

Dopo i tre punti conquistati in casa contro la Gamma Chimica Brugherio, domenica scorsa, si avvicina un altro turno casalingo per l’Invent San Donò di Piave, che domani sera al Fontebasso di Noventa di Piave, per l’ottava giornata di regular season, incontrerà il fanalino di coda della classifica: ViViBanca Torino, reduce dalla prima vittoria in campionato.

La squadra guidata da Michele Torire si trova all’ottavo posto di una classifica estremamente corta, dove ogni punto può fare la differenza. Solamente una manciata di punti, infatti, divide i biancoblu dalle prime posizioni. Ecco quindi che una vittoria sui rivali torinesi rilancerebbe il club alla carica della vetta.

Arbitri dell’incontro saranno Rocco Brancati di Potenza e Alessandro Oranelli di Spoleto.

L’incontro sarà sempre alle ore 18.00 al Palasport “Fontebasso” di via Guaiane 37/C. Il pubblico che vorrà venire a sostenere la squadra di casa, o anche solo godersi tutto lo spettacolo di questa nuova serie A3, potrà accedere al palasport già dalle 16.30 per l’acquisto del biglietto.

Ricordiamo che il costo del ticket intero ha un costo di 8 euro, mentre il ridotto 5.

L’ingresso sarà gratuito per tutti i tesserati del Volley Team Club, mentre per i genitori dei nostri atleti è stato riservato un biglietto ridotto di 5 euro.

Per il match di domani, inoltre, è stata messa in campo dalla società di Via Stefani un’ulteriore iniziativa: tutti gli studenti delle scuole elementari e medie potranno assistere all’incontro gratuitamente! Per i loro genitori, invece, accreditandosi con il nome dell’istituto scolastico, verrà rilasciato un biglietto ridotto.


Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro

In 4 set l’Invent San Donà archivia il match con Brugherio. 3-1 il risultato finale

Buona la seconda al Fontebasso. Per la settima giornata di campionato, la seconda giocata tra le mura di casa di Noventa di Piave, l’Invent San Donà di Piave ritrova la vittoria e i 3 punti, contro una buona prestazione della Gamma Chimica Brugherio.

Gli uomini di Totire partono subito bene, aggiudicandosi il primo set senza troppi sforzi e risparmiando le energie: 25-21.

Molto più equilibrato il secondo parziale, giocato punto su punto, ma che viene deciso dagli errori di entrambi gli schieramenti, 22-25 il risultato al fischio dell’arbitro.

Sul pari entrambe le formazioni rientrano in campo agguerrite, ma è l’Invent San Donà, trascinato da un Cioffi in stato di grazia, e dalla buona prestazione generale della squadra, a sovrastare l’avversario chiudendo il parziale sul 25-23.

Stesso risultato anche per il quarto, che fa archiviare all’Invent San Donà di Piave la pratica Brugherio.

«Abbiamo giocato bene, – commenta entusiasta coach Michele Totire – anche se dobbiamo essere un po’ più decisi. Partita di grande coraggio anche quella fatta dal Brugherio, con una squadra giovane ma allenata bene. Ch’anno fatto soffrire, ma ormai al settimo incontro abbiamo capito che il campionato sarà così. Noi dobbiamo giocare bene, più a lungo.

La partita si è decisa sui nostri muri e sui loro errori. Hanno una squadra giovane che commette un po’ di errori nonostante un’ottima organizzazione di muro-difesa. Noi abbiamo avuto a inizio partita un po’ troppa fretta di dover murare, poi abbiamo iniziato a costringere gli avversari a far avanzare la nostra difesa e pian piano siamo arrivati a murarli.

Il risultato di questa sera è certamente meritato per i ragazzi. Domenica prossima giocheremo un altro incontro in casa e questq dovrà diventare la nostra roccaforte».

«Abbiamo fatto qualche errore, ma alla fine siamo riusciti nei punti decisivi a mettere giù il pallone e a portare a casa la partita – analizza in sintesi l’incontro l’uomo partita Massimiliano Cioffi. In settimana ci alleniamo bene, abbiamo un bel gruppo e una bella squadra. Oggi abbiamo dato prova che il gruppo unito sa superare anche tre sconfitte. Il campionato è comunque ancora lungo, non dobbiamo mai mollare niente perché le squadre sono tutte competitive. Sembra sempre la prima di campionato».

Il tabellino:
INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: 3
GAMMA CHIMICA BRUGHERIO: 1
(25-21, 22-25, 25-23, 25-23)

INVENT SAN DONÀ DI PIAVE: Cioffi 11, Cristofaletti 14, Margutti 7, Mignano, Mian 1, Polo 10, Bellei 17, Santi (l), Lorenzo Piazza 5. N.e. Bomben, Kacperkiewicz, Spanò (l), Palmarin. Allenatore: Totire.

GAMMA CHIMICA BRUGHERIO: Santambrogio 2, Mitkov 14, Fantini 3, Cariati 7, Raffa (l), Massimo Piazza, Teja 6, Biffi, Cantagalli 25, Gianotti 3, Fumero 4. N.e. Cavalieri, Innocenzi, Todorovic (l). Allenatore: Durand.

Arbitri: Mesiano di Bologna e Selmi di Modena.

Note: durata set 27’, 24’, 29’, 30’ per totali 110’. Invent: errori battuta 16, ace 5, ricezione positiva 46% (perfetta 27%), attacco 47%, muri 17 (Cioffi 8). Brugherio: errori battuta 19, ace 5, ricezione positiva 38% (perfetta 16%), attacco 45%, muri 10.

___
Ufficio Stampa Invent San Donà di Piave
Cristiano Pellizzaro